Un’altra tecnica spesso nominata e sentita è la DHI, ovvero dall’inglese “Direct Hair Implantation” ;

Come ci suggerisce il nome, questa tecnica prevede l’impianto diretto del capello, quindi il chirurgo andrà ad utilizzare uno strumento a forma di piccolo pennino chiamato tecnicamente “Implanter”, questo strumento è costituito all’estremo da un micro ago a punta cava quale consente al medico chirurgo di poter eseguire contemporaneamente sia la fase dell’apertura del canale che l’innesto dell’unità follicolare, questo, al contrario della FUE che prevede le due cose in due fasi separate.

Con la tecnica DHI non è però possibile eseguire più di 3.000 / 3.500 innesti, questo perchè, al contrario di quanto si possa pensare, tale tecnica richiede molto più tempo di esecuzione rispetto alla FUE.

Dovendo il chirurgo effettuare due mosse in una soltanto, dovrà prestare molta più attenzione e soprattuto precisione, in quanto ogni “click” dell’implanter corrisponderà all’impianto di una UF, ma prima di fare ciò dovrà calcolare molto bene la posizione di innesto per ogni UF. Ovviamente non viene utilizzato un solo implanter, ma più di uno. Il chirurgo viene infatti assistito da circa 2-3 operatori dell’equipe che ricaricano più pennini al fine di dare la possibilità al chirurgo di non dover aspettare troppo tempo per ogni innesto. Nonostante il supporto, superando i 3.500 innesti si andrebbe a superare la soglia massima delle ore previste per l’intervento, che generalmente si aggirano tra le 6 e le 8 ore, e questo non sarebbe fattibile ne per il medico chirurgo ne per il paziente stesso.

Ma quindi quando viene usata la tecnica DHI e qual’è il principale vantaggio?

La tecnica DHI, viene utilizzata nella maggior parte dei casi per situazioni più lievi, come ad esempio le classiche stempiature frontali o magari un’infoltimento mirato per un medio diradamento localizzato.

Ogni caso viene direttamente analizzato dal medico tramite le foto, e sarà lui stesso a confermare l’eventuale possibilità di ricorrere a questa tecnica.

Il principale vantaggio sta nel fatto che il chirurgo riesce a prevedere meglio la profondità d’innesto, l’angolazione e quindi la futura direzione del capello.

Come già spiegato precedentemente, per le cosi dette “mega-sessioni” quindi superiori a 3.500 innesti, il medico chirurgo suggerisce di intervenire sempre con la FUE in quanto si riesce a creare sempre una maggiore densità.

 

 

Was this helpful?

0 / 5 0